Chiesa del Varò

Chiesa del Varò

Descrizione

La Chiesa del Varò, il cui termine tradotto in spagnolo è Visitazione, la incontriamo immediatamente dopo aver terminato la scalinata posta a destra, subito dopo la Porta-Torre dell’Orologio. La chiesa, rappresentata da una architettura molto comune e rustica, fu costruita su commissione del Cav. Blasio Corvaja alla fine del Settecento e terminata dal fratello Sigismondo nei primi dell’Ottocento. In realtà si trattò solo di un restauro ed un ingrandimento di una primitiva chiesa, eretta dalla famiglia Romano, come si evince dalla presenza al suo interno di una tomba-mausoleo appartenente a Giovanni Romano e Dente, deceduto nel 1669 e dalle statue di S.Francesco di Paola e di San Gaetano sui quali è presente lo stemma della famiglia Romano. 

Dettagli di costruzione

Il portale, la cui soglia è costituita da stipiti ed architrave in pietra di Taormina, si apre sulla facciata principale in via Conte Ruggero, dove una breve scalinata congiunge la piazzetta del Varò con Via Tommaso Fazzello. Lungo la facciata est, attraversando una breve scala a doppia rampa con ringhiera in ferro battuto, si trova un secondo portale che si affaccia proprio nella piazzetta del Varò, da cui il nome della chiesa. Anch’esso presenta stipiti ed architrave in marmo rosa di Taormina. Proprio dietro la chiesa si erge una piccola torre campanaria, in cui sono alloggiate due campane, mentre sul lato nord due finestrelle ad arco custodiscono una terza campana.

La storia

Nella chiesa è presente una tomba comune della Congregazione del Varò, sulla quale è presente questa iscrizione: “A filo vita, a vita mors, a morte aeternitas Nemini parco. Mihi hodie cras tib.Quid Superbis pulvis et cinis?Et dives, et fortis Veniunt ad funera mortis.A.Dom. 1776 ,e cioè “ La vita pende da un filo, la morte dalla vita, l’eternità dalla morte. Non risparmio nessuno. Oggi a me, domani a te. Perché insuperbisci polvere e cenere? Il ricco, il forte, vengono ai funerali della morte”.Anno del Signore 1776. Dietro l’altare maggiore troviamo un affresco del pittore messinese Vincenzo Tuccari datato 1699. L’affresco rappresenta il trionfo della Croce, in cui domina la figura di San Michele Arcangelo crocifero circondato da una miriade di angeli festosi.

Opere

Su un altare minore si trovava l’opera che ha assegnato il nome alla chiesa del Varò o della Visitazione. Si tratta del trittico del pittore messinese Antonino Giuffrè, rappresentante “la Visitazione di Maria Vergine”, oggi conservato presso Il Museo di Messina. Una ulteriore prova che i fratelli Corvaja si limitarono a restaurare la chiesa fra la fine del 1700 e il principio del 1800, essendo stato eseguito questo dipinto da un autore come il Giuffrè che visse nella seconda metà del 1400. Sotto il campanile, è presente una cripta antichissima che si raggiunge oltrepassando il palco dove si trova l’organo della chiesa. In essa si adorava un grande crocifisso dipinto ad affresco, di cui restano tracce nel muro della cripta.

Testimoniaze

Una testimonianza che assegna ai primi secoli dell’era cristiana le origini della chiesa, al tempo delle persecuzioni quando i cristiani erano costretti a rifugiarsi in luoghi nascosti e sotterranei per professare la loro fede; infatti cripta vuol dire luogo nascosto, dal greco criptos .Questa tesi avvalorerebbe la convinzione che la Chiesa del Varò sia la chiesa più antica di Taormina, dato che le cripte erano delle vere e proprie chiese al tempo delle persecuzioni contro i cristiani A destra dell’altare maggiore si trova la tomba del Conte Giovanni Romano e Dente con la statua dormiente del Conte. La chiesa presenta una sola navata, come impone la tradizione delle chiese di quartiere e periferiche che erano finalizzate ad accogliere un limitato numero di fedeli.

Celebrazione dei Matrimoni:  Le celebrazioni vanno concordate con il Parroco

Giorni ferialiMattino 10.30 | 11.30 – Pomeriggio: Ora solare 16.00 | 18.30 Ora legale 17.00 | 18.30

Sabato e pre-festivi: Mattino 10.30 | 11.30 – Pomeriggio Ora solare 16.00 | 18.30 Ora legale 17.00 | 18.30

Domenica: Divieto C.E.SI

Caratteristiche

La Chiesa del Varò si trova in via dei Fabi o Piazza del Varò

Orari per i Visitatori: Sabato e Domenica ore 9.30/12.30 Tutti i venerdì di quaresima ore 16.00/20.00

Tel.: + 39 0942 23123

Numero di Posti: 127 a sedere

Altre Chiese di Taormina

Duomo

San Giuseppe

Santa Caterina

San Pancrazio

Sant’Antonio da Padova

 San Pietro

Sant’Antonio Abate

Madonna della Rocca

Santa Domenica

ex Sant’Agostino

Chiesa Anglicana

Ti potrebbero interessare